Search
× Search
giovedì 23 novembre 2017

Magazine

Good News, curiosità e paradossi su società, viaggi, arte e comunicazione

Pensare sentimenti, sentire pensieri
Communiqué

Pensare sentimenti, sentire pensieri

La Dante Monaco presenta la stagione 2016/2017, con un programma all'insegna della qualità

Come già gli anni passati si è cercato  un filo conduttore per declinare i vari eventi che avrebbero formato il nuovo programma, avanzando che fossero le emozioni e l’amore il tema portante dell'anno 16/17.

Gli incontri saranno declinati sul   filo rosso dei sentimenti e delle storie ad esso legati e inviteranno tutti a “Pensare sentimenti, sentire pensieri” stimolando a riflettere, razionalizzandoli, i sentimenti come primo approccio, ma lasciando poi spazio alla mediazione delle emozioni per la messa in opera delle azioni. 

 

 

GIOVEDI 20/10/2016  Théâtre des Variétés ore 20:15

“Canzoni di contrabbando”

Eugenio Bennato  e il suo quartetto

Spettacolo  previsto in occasione della XVI settimana della lingua e cultura italiana nel mondo che sposa il concetto di creatività seguendo una delle indicazioni date dal Ministero degli Esteri.

Con il concerto « Canzoni di contrabbando » , Eugenio Bennato continua a rappresentare e a divulgare l’energia della taranta, arricchita da armonie moderne e dai tipici accordi di uno stile personale e inconfondibile. I temi sono quelli propri a Bennato, tra cui il perenne squilibrio tra un nord veloce e potente e un sud lento e sognante, le partenze per paesi lontani, la questione meridionale e il brigantaggio. 

Il concerto sarà corredato anche da brani nuovi, come « Mon père et ma mère », composto in seguito al suo incontro a Tangeri con il giovane Eric Parfait, che in viaggio dal Camerun al nord Africa si imbatte nella chitarra di Eugenio e gli porge un foglietto con quattro versi da lui scritti a mano, che saranno poi interamente riportati nel testo della canzone totalmente in francese. 

   5 artisti in scena : 

Eugenio Bennato - voce e chitarra battente    Ezio Lambiase - chitarre

Stefano Simonetta-chitarra e basso  Giustina Gambardella- percussioni e batteria

Sonia Totaro - voce e ballo

  

 
 

LUNEDI 21/11/2016  Théâtre des Variétés ore 19:30

 “L’Eros nell’Arte” 

Claudio Strinati e Stefano Zecchi

              

 L’evento  previsto per novembre vede l’incontro di due  appartenenti all'eccellenza intellettuale del nostro Paese. Claudio Strinati, storico dell’arte e musicologo, è attualmente dirigente generale  del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; ha diretto la Soprintendenza per i Beni artistici  di Roma e la Soprintendenza speciale del Polo Museale di Roma. Ha curato in Italia e all’estero un gran numero di mostre, molte delle quali su Caravaggio.  Stefano Zecchi, scrittore, giornalista, professore ordinario di Estetica presso l’Università degli Studi di Milano.

 

La conferenza "Eros nell'Arte" propone un dialogo tra arte e filosofia estetica in una rilettura di uno dei grandi temi che accompagnano la storia della civiltà dall'antichità ad oggi. Seguiremo la raffigurazione del Dio dell'amore, il mito greco di Eros, menzionato già dai testi orfici e dalla Teogonia di Esiodo, il piu antico poeta della Grecia, e il suo evolversi da entità cosmica primordiale, principio animatore dell'universo, attraverso i  progressivi mutamenti iconografici che lo rappresentano fanciullo, spesso alato, munito di arco e di frecce, passando per i grandi miti  di amore e psiche, e le più moderne implicazioni psicanalitiche dell’eterno confronto fra  Eros e Thanatos in una conferenza che propone un viaggio tra rappresentazione e misteri di una delle pulsioni naturali più ancestrali .

 

 

 

 

MARTEDI  17/01/2017  Théâtre des Variétés ore 20,15

“Musiche da Oscar: omaggio a Ennio Morricone”

Ensemble LE MUSE      

pianoforte e direzione  Andrea Albertini

 

  “Le Muse” è un ensemble strumentale interamente al femminiIe, formato da 8 strumentiste cresciute artisticamente all’interno dello storico gruppo Rondò Veneziano.

     Nel progetto “Musiche da Oscar: omaggio a Ennio Morricone” la formazione è arricchita da sei musicisti classici, al fine di ottenere sonorità più vicine ai temi originali proposti durante il concerto, e da una vocalist, Angelica De Paoli,  alla quale vengono affidate le parti vocali.

La formazione, diretta dal M° Andrea Albertini, propone un repertorio selezionato dalla ricchissima produzione del M° Morricone, scegliendo le colonne  sonore più celebri, seguendo un filo conduttore temporale, dai primi anni '60 fino ai giorni nostri, con la colonna sonora vincitrice dell'Oscar 2016.

Ogni brano viene presentato dal M° Albertini arricchito da aneddoti, curiosità, note storiche e biografiche.

Una serie di immagini e spezzoni di film accompagneranno gran parte delle colonne sonore proposte, aggiungendo un tocco di magia e emozione all'atmosfera che si andrà a creare sul palco.

 


 

MERCOLEDI 08/02/2017  - Théâtre des Variétés ore 20,15

Luigi Comencini :L’AMORE IN ITALIA NEGLI ANNI ‘70”

Conferenza Spettacolo (letture, video proiezioni)

 

La conferenza-spettacolo, attraverso filmati storici e riletture contemporanee, propone una riflessione sul tema dell'amore attraverso i complessi passaggi di emancipazione e sviluppo del nostro paese.

Si basa su un documentario che nel 1976 fu girato da Luigi Comencini il quale per conto della RAI insieme a Fabio Pellarin e Fabio Moscato, realizza un'inchiesta in cinque puntate andate in onda nel dicembre del 1978 su Rai Uno. Un viaggio da Nord a Sud tra i giovani e vecchi di ogni classe sociale, alla ricerca degli aspetti più quotidiani o più paradossali del troppo abusato termine “amore”. In un periodo di grandi rivoluzioni femminilli e femministe, il rapporto di coppia la sua vita amorose e sessuale appare stranamente difficile.

Elenco e titoli delle puntate:

1.      La donna è mia e ne faccio quello che mi pare

2.      La fortuna di avere marito

3.      Innamorati

4.      Ad occhi aperti

5.      A che cosa serve l'educazione sessuale?

 


GIOVEDI   17/03/2017   Théâtre des Variétés ore 20,30

 “AMOR DI DONNA”

 

Spettacolo di poesia, danza e musica - Compagnia “Les Farfadets”

Ideazione: Sophie Cossu e Grazia Soffici

 

“Amor di Donna” è uno spettacolo teatrale  ideato da Sophie Cossu e Grazia Soffici  e nasce dall’esigenza di voler esplorare attraverso la poesia, la danza e la musica la poliedricità dell’universo femminile, allungando lo sguardo all’interno di situazioni vissute a volte con difficoltà o sofferenza, ma mai rappresentate cadendo nella negatività di una visione vittimistica.

É un omaggio solare, positivo e poetico alla donna che si intende raffigurare come essere portatore  di un’energia e luce unica: quella della vita.

 

“Les Farfadets”

Nata nel Principato di Monaco nel 2004 con la volontà di creare una dimensione nuova nel mondo del teatro monegasco, la Compagnia “Les Farfadets” si ispira  a quei piccoli esseri magici dai quali traggono il nome, che balzano da un’universo all’altro, con la strana facoltà di apparire là dove non li aspetti.

L’intento  è quello di condividere col pubblico l’avvincente magia del Teatro, che sia classico o contemporaneo, frutto della cultura del mondo, per grandi e piccoli spazi, o a cielo aperto, mettendo  in scena testi di qualità che aprano le porte a progetti ambiziosi e originali, testimoni di avventure umane e artistiche: un teatro senza confini di riconoscimento, terra di tutte le libertà. Intento questo che accomuna il  teatro contemporaneo al teatro antico e più tardi a quello classico di Molière, in cui si usava integrare l’espressione teatrale associando poesia, musica e movimento per fare nascere emozioni.

Perché in realtà  è proprio questo che la Compagnia “Les Farfadetes” vuole raggiungere: creare e regalare emozioni. 

 

 

 

 

LUNEDI  15/05/2017  Théâtre des Variétés ore 20,30

“L’Epoca d’oro della canzone napoletana”

Tenore Massimo Laguardia

  conferenza-spettacolo condotta da  Federico Vacalebre
Sestetto dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo

 

L’ultimo degli appuntamenti Dante della stagione, ci riporterà agli echi di suoni ascoltati all’inizio del ciclo con Eugenio Bennato. Ma al posto del sound legato al vasto repertorio della canzone folk meridionale, ascolteremo brani legati alla canzone classica napoletana.

A condurci in questo viaggio sarà Federico Vacalebre, redattore e critico musicale de “Il Mattino” di Napoli che dialogherà in una conferenza-spettacolo con il tenore Massimo Laguardia, accompagnato dal sestetto dell’Orchestra Filarmonica di Sanremo

Sul palcoscenico del Théâtre des Variétés, ascolteremo brani legati alla tradizione napoletana entrata in voga, in ambito prevalentemente urbano, nei primi decenni del XIX secolo, con influssi derivanti dalla produzione melodrammatica che aveva in Napoli uno dei suoi maggiori centri europei. Un repertorio musicale che dagli inizi dell'Ottocento arriva fino  all'immediato secondo dopoguerra definita epoca d'oro della canzone napoletana e che vede tra gli autori e compositori importanti poeti e parolieri, per lo più napoletani, nonché illustri personalità della lirica tramandare nel tempo indimenticabili brani di repertorio.

 

 

Previous Article SHEL SHAPIRO CANTA E SI RACCONTA A SESTRI LEVANTE
Next Article LA CINQUINA DEI FINALISTI DEL PREMIO LETTERARIO STREGA SI PRESENTA A MONACO - LES CINQ FINALISTES DU PRIX LITTERAIRE STREGA DEBARQUENT A MONACO
Print
1824 Vota questo articolo:
4.3
Termini di UtilizzoPrivacyCopyright 2017 by Communiqué snc - P.Iva 10109770015